Facebook, Twitter, Youtube, LinkedIn, Google Plus, i social network dove un’azienda e anche una PMI deve essere presente sono veramente tanti, come posso dire a un responsabile marketing o ad un CEO che deve investire anche su Instagram?

Instagram è il social network che negli ultimi anni sta attirando l’attenzione di aziende e privati grazie alla sua rapida ed incredibile crescita che lo ha portato oggi a toccare i 500 milioni di utenti mensili in tutto il mondo, ma tutto questo quanto è utile per vendere online?

Si perché “parlando in soldoni” un’azienda vuole vendere e anche se si parla tanto di Instagram, è difficile trovare informazioni riguardanti le conversioni, ma andiamo per gradi.

Come è cresciuto Instagram nel mondo

L’anno della svolta per Instagram è stato il 2012, ovvero quando è stato acquisito da Facebook. Da quel momento la sua crescita è stata inarrestabile, portandolo ad acquisire circa 100 milioni di nuovi utenti ogni 10 mesi.

  • Aprile 2012: 35 milioni di utenti
  • Luglio 2012: 80 milioni di utenti
  • Febbraio 2013: 100 milioni di utenti
  • Settembre 2013: 150 milioni di utenti
  • Dicembre 2014: 300 milioni di utenti
  • Settembre 2015: 400 milioni di utenti
  • Giugno 2016: 500 milioni di utenti

Instagram in Italia

Abbiamo parlato di 500 milioni di utenti mensili ma l’80% si trova negli Stati Uniti, il doppio rispetto a Twitter e Snapchat (rispettivamente 136 milioni e 150 milioni)

Secondo alcune ricerche, gli stati dove Instagram è cresciuto maggiormente sono Germania, Indonesia e Francia, ma in Italia?

In Italia Instagram conta 9 milioni di utenti mensili unici, un numero piuttosto bassino su circa 60 milioni di abitanti, ma comincia ad essere più rilevante se ragioniamo in termini “relativi”

Utenti attivi sui social media mensilmente globalmente

  • Facebook: 28 milioni
  • Youtube: 27 Milioni
  • LinkedIn: 9 Milioni
  • Instagram: 9 milioni
  • Twitter: 6.4 milioni
  • Google Plus: 3,8 milioni

Sono sicuro che tra di voi c’è chi utilizza LinkedIn, Twitter o Google Plus, che sono meno utilizzati di Instagram, perché allora non dovreste investire su questo social network.

I profili Instagram più seguiti in Italia

Al momento i profili Instagram più seguiti in Italia sono Mariano di Vaio, Mario Balotelli, Alvaro Morata, Valentino rossi e Melissa Satta.

ma come può essere utile questo dato per un’azienda?

Il motivo è semplice. Uno dei modi migliori al giorno d’oggi per promuovere un’azienda è attraverso il coinvolgimento di Influencer e Ambassador (leggi anche: “Influencer: chi sono e cosa fanno”).

Come oramai dovreste sapere, Influencer e Ambassador sono in grado di generare un incredibile engagement rispetto ai profili “comuni”, ma il dato più interessante è che su Instagram, un post riceve in media 58 volte più engagement rispetto gli altri social media, compreso Facebook, ecco quindi che condividere su Instagram e sopratutto farlo attraverso un Influencer diventa un investimento intelligente.

+ Visibilità – Conversioni

Instagram è molto simile a Facebook sopratutto per quanto riguarda la strategia web marketing. Su Facebook infatti non è facile quantificare il ROI o ottenere risultati validi in termini di conversioni, ma se si parla di aumentare la propria visibilità, ritengo di poter tranquillamente affermare che Facebook è il numero 1, sia in termini di resa che di prezzo.

I post che generano più engagement su Facebook sono immagini e video, meglio ancora se non hanno un link e che non punta ad una conversione diretta, proprio quello che avviene su Instagram.

Instagram Marketing in Italia

Anche se i dati su Instagram sono sicuramente incoraggianti, dalla mia esperienza personale ritengo che in Italia bisogna aspettare ancora un po’ prima di parlare di ingenti investimenti su Instagram e che al momento le “piazze migliori” restano Facebook Ads, Google Adwords e Youtube (Adwords for video), sopratutto per le PMI.

Ma questo non significa assolutamente che le aziende non debbano sviluppare connessioni su questa piattaforma, sopratutto se operano in settori come fashion, travel, fotografia, design, mobili e food.

Quindi care Aziende (comprese PMI) aprite un profilo Instagram e cominciate a dedicare una parte del vostro web marketing plan all’Instagram Marketing

Conclusioni: Instagram Si o Instagram No?

Nelle conclusioni oggi risponderò per prima cosa alle domande che ho posto io stesso all’interno dell’articolo

Come posso dire a ad un CEO che deve investire anche su Instagram?

Mostrando i dati sulla crescita del social network e il livello di engagement dei post.

Quanto è utile Instagram per vendere online?

Instagram al momento non lo ritengo molto efficace per una conversione diretta in quanto i suoi post non presentano link e non possono essere quindi indirizzati verso una landing page. In ogni caso però Instagram è molto utile per aumentare la propria visibilità, soprattutto se si collabora con Influencer o Ambassador.

Perché conviene usare Instagram per vendere in Italia?

Instagram ha 9 milioni di utenti attivi mensilmente, come LinkedIn e più di Google plus, Twitter e Pinterest. Di fatto è il quarto social network più seguito e questo è un motivo più che sufficiente per creare un profilo sul social network e sviluppare una strategia web marketing adeguata.

Se vuoi saperne di più su Instagram e su come usarlo per promuovere la tua azienda, chiedi una consulenza web marketing.

consulenza web marketing