Vendere vino online è un trend in crescita più o meno dal 2007, ma come inserirsi oggi nel mercato?

In questo articolo riporterò i punti salienti di una strategia web marketing studiata per vendere vino attraverso il proprio sito eCommerce.

Fase 1: analisi

Per prima cosa bisogna analizzare il settore della vendita del vino online.

Parole chiave (di seguito ne riportiamo solo alcune)

  • vini online 1000 (media ricerche mensili)
  • vino online 2400 (media ricerche mensili)
  • vendita vino online 1300 (media ricerche mensili)
  • vendita vini online 1600 (media ricerche mensili)

Queste sono le parole chiave utilizzate dai principali competitor del settore e inserite nei loro titoli e description.

Competitor Principali

Per esempio, inserendo una delle parole chiave principali, possiamo subito individuare alcuni competitor.
Schermata competitor vendere vino online

Ovviamente si possono realizzare altri tipi di indagini coinvolgente professionisti del settore. Le due analisi qui riportate sono solo un esempio

Fase 2: il budget

Creare ed avviare un eCommerce non è a buon mercato, e prima di lanciarsi nel settore bisogna farsi un esame di coscienza e capire qual’è il budget a disposizione.

Premesse:

  • Nel web marketing non esistono scorciatoie o bacchette magiche
  • Il primo anno di attività si baserà prevalentemente sull’analizzare e sullo sperimentare
  • Per promuovere il proprio marchio servono persone competenti e affidabili.

Quali sono i costi minimi di alcune spese da sostenere

  • Realizzazione E-Commerce: a partire da 4000 euro
  • Facebook Ads: a partire da 1200 euro al mese, almeno per 3 mesi
  • Adwords: a partire da 1000 euro al mese, per almeno 3 mesi
  • Ottimizzazione SEO: a partire da 1000 euro
  • Servizi di grafica: costi da definire

Se poi volete anche assumere un esperto digital marketing per gestire il progetto, i costi partono da circa 1000 euro al mese.

Questi costi sono molto orientativi (sono riferiti sopratutto a piccoli ecommerce), si può spendere di più o si può spendere di meno, ma per saperne di più a riguardo vi consiglio una consulenza web marketing gratuita.

Fase 3: creare un sito E-Commerce

Come indicato nel precedente paragrafo, un sito e-Commerce ha un costo che in genere parte dai 4000 euro (Social Media Expert.net ti può far avere uno sconto del 50% sulla spesa totale). Il sito è il vostro negozio online ed è probabilmente l’aspetto più importante di tutta la vostra strategia, perché se non sarà fatto bene, non venderete, inoltre ricordate che un sito, anche se ben fatto, per vendere deve essere pubblicizzato.

Caratteristiche principali di un buon sito e-commerce:

  • Ottimizzazione SEO
  • Contenuti originali
  • Strumenti di analisi (google search console e analytics)
  • Responsive
  • Hosting di qualità (meglio ancora se su un server dedicato)

Osservazione: Il SEO è la maggiore fonte di traffico e di guadagno per un e-commerce.

Fase 4: conoscere i canali per la vendita online

Questi sono i principali canali sui quali potrete vendere i vostri prodotti

  • SEO (traffico organico)
  • Facebook Ads
  • Google Adwords
  • Instagram fo Business
  • Content Marketing

Fase 5: scegliere quali canali utilizzare per vendere (per iniziare)

In fase iniziale conviene investire in tutti i canali di vendita, e solo dopo un’attenta fase di analisi, è possibile decidere dove investire maggiormente.

Consiglio: anche quando si è individuato il canale di vendita principale, bisogna sempre continuare la propria ricerca per trovarne di nuovi.

Fase 6: pianificare una prima strategia, analizzare e ricominciare

Se siete all’inizio della vostra avventura, dovete darvi delle scadenze.

Purtroppo nel marketing per ottenere dati di analisi validi, per valutare concretamente il proprio lavoro, ci vuole almeno un anno, ad ogni modo il mio consiglio è di valutare gli effetti dei vostri investimenti pubblicitari ogni 3 mesi, compiendo sempre piccoli cambiamenti sulla base dei pochi dati a disposizione.

In fase di startup sconsiglio sempre di modificare drasticamente la propria strategia, per esempio passando da un investimento di 300 euro al mese su Facebook a un investimento di 2000 euro su Adwords (o viceversa).

Obiettivi primari della strategia

Questi devono essere gli obiettivi di una strategia web marketing per un business in fase di Startup

Visibilità

Bisogna sempre puntare ad aumentare la visibilità del brand, o in altri termini, bisogna aumentare il traffico sul sito, sul blog e i followers sulle pagine social.

Riconoscibilità del Brand

La prima cosa da fare in merito, è creare un bel logo, chiaro e facilmente identificabile. Il logo deve diventare sinonimo del prodotto, come la “Apple” per i “Computer”, e per farlo bisogna lavorare anche in questo caso sulla visibilità. Un ottimo strumento per far sapere rapidamente, a quante più persone possibili, dell’esistenza di un brand, è sicuramente Facebook Ads.

Qualità dei prodotti

La prima cosa che deve trasmettere un sito è il valore del proprio business, non a caso quindi la “qualità dei prodotti” è uno degli aspetti fondamentali da valorizzare in una campagna pubblicitaria.

Non siate superficiali nelle descrizioni dei prodotti, inserite tutto ciò che può spingere il cliente a comprare, ma non siate mai auto-celebrativi.

L’auto-celebrazione è uno stile di copywriting ormai superato e quasi inutile sul web, una pubblicità per essere efficace deve informare.

Provare l’affidabilità del marchio

Questo punto è molto semplice ma non va sottovalutato. Per provare l’affidabilità dei vostri prodotti avrete bisogno delle recensioni dei vostri clienti, quindi, datevi da fare!

Conclusioni

Vuoi vendere vino online? Comincia con il creare un buon eCommerce per poi pianificare con attenzione tutta la tua campagna pubblicitaria. Il web permette a chiunque di creare una campagna Adwords o Facebook Ads, ma se vuoi ottenere realmente dei risultati devi studiare il web marketing, oppure, puoi rivolgerti ad un consulente.

consulenza web marketing