Creare un Travel Blog non è difficile, ma bisogna sapere come muoversi e quali sono gli aspetti principali da ottimizzare per indicizzarlo correttamente, aumentare le visite e renderlo redditizio.

I travel blog sono sempre più utilizzati da privati e tour operator per raccontare vacanze, presentare luoghi di villeggiatura, o vendere viaggi. Nati come hobby, oggi ritengo molto raro trovare qualcuno che non abbia creato un travel blog per guadagnare, anche perché, insieme ad i Fashion Blog, sono tra i blog più redditizi.

Quale piattaforma scegliere

Per creare un Travel Blog hai bisogno di un CMS (Content Management System), per esempio Joomla o WordPress. Io consiglio sempre WordPress che dispone di numerosi temi gratuiti, a pagamento, e plugins per aumentare le funzioni del blog.

Una volta superata la difficoltà iniziale, WordPress vi risulterà abbastanza semplice da utilizzare, soprattutto per quanto riguarda il caricamento degli articoli e delle immagini. Per la veste grafica invece, o per qualche implementazione extra, vi consiglio di rivolgervi ad un web designer.

Leggi anche “Quanto costa creare un sito con WordPress? Info e consigli utili“.

Come scegliere le giuste parole chiave

Conoscere le parole chiave legate al proprio Travel Blog è fondamentale per posizionarsi correttamente sui motori di ricerca. Per trovare le parole chiave legate al vostro lavoro, consiglio di utilizzare lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Adwords e Google Trends.

Leggi questo articolo per conoscere i principali strumenti per la ricerca delle parole chiave.

Di cosa parlare per generare traffico

Il settore dei Travel Blog non è saturo, sopratutto in Italia, ma se volete essere realmente competitivi, consiglio di occuparvi di un settore specifico, soprattutto se siete alle prime armi. In altre parole, non è una mossa furba creare un travel blog in cui si racconta “Cosa vedere in Spagna”, meglio crearne uno su “Cosa vedere a Barcellona”, in questo modo sarà più semplice posizionarsi in prima pagina. Ovviamente se si dispone di uno staff e di risorse economiche consistenti per fare pubblicità, allora potete anche pensare in grande.

Social Network e Travel Blog

I social network sono fondamentali per promuovere un travel blog, quindi bisogna essere presente su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube. Non dimenticate, inoltre, di tenere sempre aggiornate le pagine social, di utilizzare le giuste Hashtag, e di inserire i link dei social network anche sul blog.

Immagini e Video

siviglia

Immagini e video sono fondamentali per un travel blogger, quanto per un fashion blogger. Non potete quindi pensare di creare un travel blog senza vivere nella zona di cui si parla o quantomeno senza viaggiare frequentemente, altrimenti come potreste pubblicare su sito e social foto sempre aggiornate?

Consulenza SEO per travel blogger

Al di là delle Regole SEO, della grafica e delle parole chiave, un travel blog di successo deve fornire informazioni, essere imparziale e costantemente aggiornato.

Spero che questa piccola guida introduttiva, basata su anni di esperienza nel settore, possa essere d’aiuto, ma per maggiori informazioni su come diventare un travel blogger, è possibile richiedere una la mia consulenza SEO per travel blogger.

consulenza web marketing