Social Media Expert

Consulenze Web Marketing, corsi e un blog per tutti gli appassionati di Social Media.

Google non misura l’autorità del sito (Domain Authority)

Google non misura l’autorità del sito (Domain Authority)

Durante un Hangout che si è tenuto il giorno 11 giugno, John Mueller, il noto webmaster trends analyst di Google, ha dichiarato che Google non utilizza alcun tipo di metrica per determinare l’autorevolezza di un sito. Un’affermazione del genere potrebbe far cadere dalla sedia molti studiosi della SEO e anche qualche esperto ma, in realtà, non si sta dicendo niente nuovo, già più di un anno fa, lo stesso Mueller aveva rilasciato una dichiarazione in tal senso. Per comprendere meglio di cosa stiamo parlando, andiamo a ripercorrere questa storia dal principio. Cosa ha dichiarato John Mueller: La dichiarazione è stata rilasciata durante questo Hangout: John Mueller, con la sua affermazione, ha voluto rispondere ad un utente che sosteneva che l’authority del suo sito è stata penalizzata dal june 2019 Core

Continua a leggere
Rilasciato “June 2019 Core Algorithm Update”: cosa fare?

Rilasciato “June 2019 Core Algorithm Update”: cosa fare?

Ebbene si, pensavate che Google avesse già terminato i suoi aggiornamenti? Invece di no, arriva il June 2019 Broad Core Algorithm Update. Dopo i tanti cambiamenti portati dal “Media Update“, e dopo gli assestamenti del “March 2019 Core Update” è già arrivato un nuovo importante aggiornamento che promette di portare ulteriori novità. Come potete leggere dall’immagine di seguito, l’annuncio è arrivato il 2 giugno e ha subito scatenato commenti su Twitter e fermento tra i blogger, tanto da convincere Google a rilasciare un secondo Tweet. La prima novità che però dobbiamo notare subito è che Google, questa volta, ha fornito da subito il nome del suo nuovo aggiornamento, ovvero June 2019 Core Algorithm Update. Questa scelta probabilmente è diventata “Standard” dopo il caos causato dall’aggiornamento di marzo, soprannominato in una

Continua a leggere
Strategia low cost per creare un travel blog

Strategia low cost per creare un travel blog

Per creare un travel blog servono notevoli competenze SEO, autori in grado di creare articoli e un considerevole budget iniziale. Dovete tener presente, infatti, che un articolo di qualità, realizzato secondo le regole SEO, ha un costo di almeno 30 euro. Considerando, inoltre, che i primi benefici considerevoli li inizierete a vedere solo dopo il primo centinaio di articoli, ecco che solo per avviare il vostro progetto servono almeno 3000 euro. A tutto questo poi dovete aggiungere ovviamente, il lavoro di un buon web designer, che in genere parte da 900 euro (Scopri il mio servizio “Realizzazione Blog”) Per un’agenzia di viaggi o aziende che vendono servizi legati al travel, queste cifre cifre dovrebbero essere abbordabili ma spesso non è così. Mi capita spesso, infatti, di parlare con piccole realtà

Continua a leggere
Come promuovere una pizzeria con il web marketing

Come promuovere una pizzeria con il web marketing

L’Italia è famosa in tutto il mondo per l’arte, il mare, le spiagge e la cucina, ma uno dei piatti più famosi nel mondo è sicuramente la nostra pizza. Che sia la pizza napoletana, con il suo inconfondibile bordo alto, o romana, più “Scrocchiarella” e sottile, la pizza è amata sia dagli italiani che da tanti turisti stranieri. Oggi però è innegabile che questo tipo di settore sia ancora più competitivo che in passato, pertanto è necessario ricorrere a moderne strategie di comunicazione per promuovere la propria attività. Nonostante la “Pizza” venga da una tradizione molto antica, con questo articolo voglio mostrare come anche per questo business è possibile utilizzare il web marketing e i social media. Il Ristorante-Pizzeria In questo articolo presenterò qualche strategia web marketing o “Best Practice”

Continua a leggere
Quanti followers hanno i principali partiti politici italiani?

Quanti followers hanno i principali partiti politici italiani?

Al giorno d’oggi le elezioni politiche si vincono anche sui social e, probabilmente, in futuro sarà qui che verranno decise le sorti dei paesi. Visitando le pagine social dei vari partiti politici, è interessante capire se il numero dei followers rispetti, in qualche modo, le preferenze espresse dagli italiani nelle urne. Con le elezioni europee alle porte, ho pensato che potesse essere interessante vedere se, il numero dei followers, aggiornati a maggio 2019, rispecchierà il risultato delle votazioni. Leggi anche “Matteo Salvini è il leader politico più seguito sui social network”. I partiti politici presi in esame In questa mia analisi ho deciso di prendere in esame solo i partiti politici con maggiore seguito, escludendo formazioni che, a mio parere, non hanno ancora un seguito consistente sui social network. Pertanto

Continua a leggere
Matteo Salvini è il leader politico più seguito sui social network

Matteo Salvini è il leader politico più seguito sui social network

Le elezioni europee sono sempre più vicine e i leader dei principali partiti politici italiani continuano ad affrontarsi in radio, televisione, sulla carta stampa e anche, ovviamente, sui social network. Essendo un grande appassionato di politica ho deciso di pubblicare un articolo per portare all’attenzione dei miei lettori il numero dei followers dei principali leader politici. Prima di leggere e commentare i numeri riportati nella mia ricerca bisogna però fare un’importante premessa. Il numero dei followers è solo uno dei tanti parametri da tenere in considerazione. Come sicuramente saprete, infatti, il numero dei followers si può facilmente manipolare, acquistando servizi dedicati o praticando tecniche eticamente sbagliate (se non legalmente). Un valore molto importante è per esempio l’interazione, ovvero il numeri dei like, commenti e condivisioni dei nostri followers, così come

Continua a leggere